La Partenza in Regata

di Paul Eldrid, OneSails Australia


Premessa

Il metodo è fondamentale per mettere in atto una strategia di partenza specifica per ogni singola regata. Senza una buona conoscenza della routine da parte di tutti i membri del team e senza il tempo necessario per raccogliere informazioni prima della partenza di ogni regata, le possibilità di prendere decisioni ben calcolate si riducono notevolmente.

Molti velisti e squadre diverse hanno le proprie teorie e i propri schemi per la partenza della regata. La guida qui descritta è un sistema che per me ha sempre funzionato bene e che potreste modificare in modo più efficace. L’unico modo per stabilirlo è iniziare a esercitarsi e rispettare un piano fin dall’inizio.

L’apprendimento può iniziare solo quando si comincia!


Pre-preparazione = informazioni

1. IL METEO

  • Quali sono le previsioni per il giorno della regata?
  • Salti persistenti / oscillazioni / brezza costante? Pressione crescente / decrescente / stabile?
  • Flusso della corrente / marea?

2. L’IMBARCAZIONE

  • Assetto probabile della barca in base alle condizioni e selezione delle vele
  • Assicurarsi che l’imbarcazione sia configurata per avere la potenza necessaria a partire dalla linea di partenza.
  • Conoscere la propria imbarcazione! Tempi di aumento/diminuzione della velocità e tempi di virata/strambata

3. IL TEAM

  • Ruoli chiaramente definiti: tattico, chi fornisce informazioni sulla linea, trimmers che conoscono la velocità al %.

4. I RIVALI

  • Chi sono? Qual è la loro condizione per la regata, i loro punti di forza
  • Debolezza, stile di partenza?

5. LA GEOGRAFIA

  • Effetti locali della terra sul vento e della profondità sulla marea

6. LE LAY LINES

  • Le lay lines determinano il campo in cui si gareggerà.

7. LA STRATEGIA

  • Qual è il percorso più veloce per il primo lato? E per gli altri lati?

8. UN PIANO

  • Sviluppate un piano su dove andreste se doveste correre solo contro il tempo.

La dritta di Eldrid – Avere un piano di dove si vuole essere sul tracciato di gara determinerà la posizione di partenza. Informazioni utili e affidabili sulle previsioni del tempo del giorno si possono trovare online in siti dedicati.


Analisi della linea di partenza = informazioni

1. TWD

  • Ottenere la vera direzione del vento (True Wind Direction) – andare in direzione del vento – qual è?

2. L’ORIENTAZIONE DELLA LINEA

  • L’angolo della linea di partenza – navigare lungo di essa – che direzione ha?

3. LUNGHEZZA DELLA LINEA

  • Quanto tempo ci vuole per navigare da un capo all’altro?

4. DISALLINEAMENTO

  • Calcolare il disallineamento della linea sulla base di TWD e la lunghezza della linea. Controllate la posizione della boa mettendovi a filo del vento e mirando la perpendicolare della vostra barca: questo vi darà un’idea della quantità di inclinazione in base alla posizione della barca comitato.

5. LAYLINES

  • Stabilire le lay lines sia verso l’estremità della barca comitato che verso l’estremità della boa di partenza.

6. PERICOLO

  • Le zone di pericolo sono stabilite al di fuori delle lay lines. Considerate anche come zona di pericolo qualsiasi punto che si trovi a più di un minuto dalla linea.

Il punto di vista della linea poco dopo la partenza: si può vedere chiaramente il vantaggio di un'estremità sbilanciata sulla prima fila.

Utilizzando le informazioni raccolte, stabilire i limiti di partenza e ridurre il rischio di una cattiva partenza.

Identificare le zone ad alto rischio quando la linea è sbilanciata: queste aree possono spesso causare caos e incidenti. Potrebbe valere la pena di iniziare vicino all'estremità favorita, ma lontano dal caos!


Tecniche: il tempo per utilizzare le informazioni ed eseguire il piano.

  1. AVVICINAMENTO MURE A DRITTA
    Scegliete la posizione sulla linea da cui volete partire, cronometrate la vostra corsa verso la linea e colpitela con la massima velocità e altezza.
  2. MUOVITI E VAI
    Scegliete la vostra posizione sulla linea, a poca distanza da essa. Mantenere la barca in questa posizione senza o con poca velocità. Cazzate scotta e attraversate la linea il più in alto e il più velocemente possibile
  3. AVVICINAMENTO MURE A SINISTRA
    Avvicinarsi dietto alla flotta a sinistra, cercando un varco nella linea. Quando vedete uno spazio che vi piace, virate verso di esso e iniziate l’approccio in base a tempo/distanza. Più tardi tentate il colpo, maggiore sarà il rischio!
  4. VIRATA MURE A SINISTRA
    Alto rischio e facoltativo solo con un sostanziale margine in boa di partenza, il tempismo è tutto e la finestra per intrufolarsi in boa e liberare la flotta in arrivo mure a dritta è minima. È necessario fare molta pratica per questo …. ed è da eroi o da zero!


In sequenza - conto alla rovescia per la partenza

5 MINUTI

  • Confermate le bandiere! Informazioni! Quale flotta? Quale percorso? Ottenere un tempo preciso!

4 MINUTI

  • Scegliete la vostra tecnica: quale vi farà partire meglio da tutte le informazioni che avete? Assicuratevi di avere anche un piano B! Spesso va male, e se avete un piano B non sarete indecisi!

3 MINUTI

  • Gestione della flotta – Valutare l’affollamento e identificare le aree pulite (per i piani A e B) – Identificare le aree di pericolo e le aree ad alto rischio

2 MINUTI

  • Realizzazione – Eseguire il piano A o il piano B?

1 MINUTO

  • Tempo/distanza – Arrivare alla linea il più in alto e il più velocemente possibile! Create un varco sottovento se ne avete la possibilità in quest’ultimo minuto – Sfruttate l’opportunità di schiacciare gli avversari se potete!


La gara dopo la partenza

  • Come siamo messi? Abbiamo aria pulita? Dovremmo navigare con un’andatura alta, media o bassa?
  • Opzioni? Quali sono? Possiamo navigare con la nostra strategia? In caso contrario, qual è la soluzione migliore?
  • Portate l’imbarcazione per ottenere diverse opzioni: navigate alti per far poggiare gli avversari a prua, bassi per scavalcare un avversario o al centro per allungarsi verso il proprio lato preferito.
  • Procedete con la strategia di gara


Controllo dei rischi

1. CATTIVA PARTENZA

  • Uscite il più velocemente possibile! Cercate di trovare rapidamente una corsia libera e di tornare a navigare velocemente e secondo la vostra strategia.

2. OCS (individuale)

  • Il recupero più rapido è importante: riprendetevi, rimanete concentrati e navigate velocemente. Trovate una corsia libera e tornate alla vostra strategia.

3. RICHIAMO GENERALE

  • Analizzate quello che è successo e imparate dall’esperienza: avete appena guadagnato una partenza gratis!

4. BANDIERA NERA

  • Analizzate le circostanze e imparare da esse! Non abbattetevi: se non ne avete mai presa una, con ogni probabilità non avete mai sollevato una coppa!
 Iniziare bene richiede la disciplina di seguire un metodo, raccogliere informazioni, fare un piano ed eseguirlo. Più ci si esercita, più si migliora. E se non fate l’OCS una volta all’anno, vi state trattenendo! Entrate in azione!

“Buona fortuna e iniziate in modo corretto! Divertitevi!”
Il team OneSails